La solidarietà del Papa ai lavoratori di Sky

“Il lavoro ci dà dignità - ha detto Francesco a braccio fra gli applausi - e i dirigenti hanno l’obbligo di fare del tutto perché ogni uomo e ogni donna possa lavorare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Da piazza San Pietro arriva un pensiero importante per i lavoratori della sede di Roma di Sky Italia, che rischiano o il licenziamento o il trasferimento a Milano.

Durante i saluti ai fedeli di lingua italiana, che come di consueto concludono l’appuntamento del mercoledì in piazza San Pietro con i fedeli, Papa Francesco ha rivolto “un pensiero speciale ai lavoratori di Sky Italia”, auspicando che “la loro situazione lavorativa possa trovare una rapida soluzione, nel rispetto dei diritti di tutti, specialmente delle famiglie”.

Il lavoro ci dà dignità – ha proseguito Francesco a braccio e fra gli applausi – e i responsabili dei popoli, i dirigenti, hanno l’obbligo di fare del tutto perché ogni uomo e ogni donna possa lavorare e così avere la fronte alta, guardare in faccia gli altri con dignità”.

LEGGI ANCHE I lavoratori di Sky scendono in piazza, scontro Pd-Campidoglio sulle competenze

“Chi per manovre economiche, per fare negoziati non del tutto chiari chiude fabbriche, chiude imprese lavorative e toglie lavoro agli uomini, questa persona fa un peccato gravissimo”, il monito di Francesco, ancora tra gli applausi.

Sky Italia ha recentemente presentato il suo piano di riassetto, contestato dai sindacati, che prevede oltre 200 esuberi e 300 trasferimenti di dipendenti da Roma a Milano. (www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»