Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al carcere minorile del Pratello si studia insieme ai liceali

Al progetto, che si chiama "Un passo verso gli altri", ha collaborato la Città metropolitana di Bologna. L'obiettivo è un faccia a faccia tra due mondi di vita differenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un’esperienza formativa attiva che si basa sul confronto tra studenti delle scuole superiori del territorio metropolitano e i ragazzi detenuti all’interno dell’istituto penale minorile. È il progetto “Un passo verso gli altri“, ideato dall’istituto penale minorile e dalla Città metropolitana di Bologna in collaborazione con il Cpia metropolitano e con il sostegno dell’Ufficio V ambito territoriale di Bologna. Obiettivo? “L’incontro faccia a faccia tra mondi di vita differenti per consentire ai ragazzi coinvolti di lavorare su aspetti importanti del vivere nel mondo con gli altri, quali il riconoscimento dell’alterità, una maggiore consapevolezza di sé e il rafforzamento della propria identità, e del vivere in un contesto sociale ampio, contribuendo a promuovere il senso di cittadinanza attiva che si esplica anche attraverso l’educazione alla legalità”.

Il tema proposto per il prossimo anno scolastico è “libertà di, libertà da, libertà per“. I ragazzi lavoreranno in un confronto continuo e diretto, tenendo conto dei vincoli del regime carcerario, con la costante presenza di educatori, docenti, volontari. “Gli studenti e i ragazzi detenuti potranno esplorare le tematiche scelte attraverso molteplici modalità e stimoli, dalla lettura al cineforum agli incontri con testimoni privilegiati, costruendo una raccolta multimediale- spiega Elisabetta Scalambra, consigliera delegata allo Sviluppo sociale della Città metropolitana- Si tratta di un progetto, i cui obiettivi sono previsti nelle linee di mandato dell’ente che permetterà ai ragazzi di lavorare su stereotipi e pregiudizi, sensibilizzare sulla realtà detentiva e far prendere coscienza che l’istituto penale non è una realtà al di fuori della società, ma ne è parte integrante”.

(www.redattoresociale.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»