Made in Italy, Gentiloni: “Cucina e territorio, Italia potenza nel mondo”

ROMA - "La capacita' di legare qualità culinaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

martina_gentiloni

ROMA – “La capacita’ di legare qualità culinaria e tradizione del territorio” rende l’Italia “una potenza culturale” nel resto del mondo, “grazie ai nostri grandi chef – la cui creativita’ mi ricorda le botteghe rinascimentali – sostenute da una forte filiera industriale alle spalle”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, nel corso della presentazione del Protocollo d’intesa per la valorizzazione all’estero della cucina italiana di qualita’ alla Farnesina. Per il titolare della Farnesina Paolo Gentiloni questo Protocollo sottolinea come l’enogastronomia e la cucina di qualita’ sia “elemento di marchio per l’Italia” che la porta ad essere “sempre al top negli indici di viaggio” e delle localita’ favorite all’estero. In conclusione il Protocollo “diventera’ una delle grandi iniziative culturali dell’Italia all’estero”. Oltre al ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, firmatari del Protocollo sono i ministeri delle Politiche agricole, alimentari e forestali, e dell’Istruzione, universita’ e ricerca. Il Protocollo prevede un articolato piano d’azione per promuovere l’alta cucina e i prodotti italiani di qualita’, e si inserisce nel quadro del ‘Food act’, al fine di dare continuita’ all’esperienza di Expo Milano 2015, in collaborazione con Mise, Ice-Agenzia, Coni, Unioncamere e Assocamerestero.

LEGGI ANCHE

Giannini: “Un milione di euro in borse di studio per giovani chef”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»