Per più di uomo su due la disfunzione erettile compromette la relazione

sesso
La collaborazione della donna in una coppia stabile ha un ruolo rilevante per la gestione della disfunzione erettile e può agevolare il percorso terapeutico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sessoROMA – Un uomo che convive con la disfunzione erettile è preoccupato che la sua incapacità di ottenere o mantenere un’erezione possa compromettere l’intesa con la partner (nel 57% dei casi) e finisca per allontanare la propria donna (nel 53% dei casi). E spesso si sente a disagio anche solo a parlare del problema e a confidarsi con la propria compagna (nel 35% dei casi). Eppure, la collaborazione della donna in una coppia stabile ha un ruolo rilevante per la gestione della disfunzione erettile e può agevolare il percorso terapeutico. “Gli studi- spiega il dottor Paolo Turchi, titolare della specialistica andrologica dell’Ospedale di Prato- ci dicono che spesso la decisione di consultare un medico viene presa dalla partner ed è per questo che la comunicazione e la trasparenza sono fondamentali: prendere un farmaco, all’insaputa della propria compagna, non risolve la disfunzione erettile, mentre la condivisione del disagio può rafforzare il legame di coppia e la stessa partner- conclude- può essere coinvolta nella terapia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»