L’appello dei ‘No Dad Campania’ a Draghi: “Governo si sostituisca a Regione

scuola si(cura)_proteste napoli
"La Didattica a distanza ha significato un aggravio ulteriore del tasso di dispersione scolastica", rilevano dal coordinamento Scuole Aperte della Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il coordinamento Scuole Aperte della Campania ha inviato una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai ministri dell’Istruzione Patrizio Bianchi, della Salute, Roberto Speranza, delle Pari opportunità, Elena Bonetti, e delle Disabilità, Erika Stefani, chiedendo al governo di “sostituirsi alla Regione Campania e ai Comuni” per avere una “gestione nazionale” delle decisioni che riguardano il mondo della scuola in tempi di Covid.

La rete No Dad ricorda al nuovo esecutivo che in Campania “le scuole sono state le ultime ad aprire sul territorio nazionale (il 28 settembre) e le prime a chiudere di nuovo il 16 ottobre e, con altalenanti e parziali aperture di alcuni gradi, a riaprire in toto solo il 1° febbraio. Tutto questo contrariamente alle disposizioni governative nazionali”. La Dad ha significato “un aggravio ulteriore del tasso di dispersione scolastica – rilevano -, un rischio che in Campania è già ben al di sopra della media del Paese, raggiungendo addirittura il 17,3% della popolazione scolastica totale e il 31,9% per la popolazione scolastica delle scuole secondarie di secondo grado”.

Il coordinamento ricorda i ricorsi presentanti e accolti dal Tar che hanno imposto alla Regione di “riaprire le scuole sulla base della normativa nazionale, mai applicata a causa di ordinanze continue basate non su dati reali, ma su formule previsionali che, ancora oggi, auspicano la chiusura delle scuole come unica soluzione al problema pandemico, perché ritenute uniche responsabili di contagi”.

LEGGI ANCHE: Covid, 31 contagi nelle scuole di Napoli: attesa riunione unità di crisi

I No Dad denunciano una serie di ritardi nella gestione dell’emergenza “spesso demandando ai sindaci e ai singoli dirigenti scolastici la facoltà di chiudere le scuole, generando una enorme confusione e soprattutto una non corretta applicazione dei protocolli Covid nei singoli casi, ingenerando situazioni assurde come la chiusura di interi plessi scolastici o di istituti di interi comuni per due o tre contagi tra studenti o operatori scolastici”. Per il coordinamento, in Campania è in atto una “interpretazione distorta a livello locale, a maggior ragione se i dati, i medesimi inviati alla cabina di regìa del ministero della Salute, pongono la nostra regione in zona gialla, secondo i criteri ministeriali”. “Altro non desiderano – prosegue la lettera – che allinearsi ad una normativa e ad una gestione nazionale. E non solo perché desideriamo sentirci italiani, ma perché siamo stanchi di un clima di terrore psicologico perpetrato ai danni della salute psico-fisica di tutti noi, piccoli e grandi. In una situazione di terribile gap economico, formativo, culturale che tristemente attanaglia la nostra Regione e tutto il Sud Italia, la scuola è il primo presidio di legalità e di rinascita”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»