Covid, Bassetti: “Varianti andavano contenute mesi fa, no lockdown”

Il direttore di malattie infettive del san Martino di Genova si riferisce a quanto ha affermato Walter Ricciardi su una chiusura corposa per due, tre, quattro settimane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quello che è successo ieri è stato imbarazzante, sono curioso di sapere qual è la voce del ministro Roberto Speranza e del ministero rispetto al lockdown: se si vuole cambiare rispetto a quello che c’era prima bisognerebbe che vi fosse una comunicazione diversa”. A dirlo è il professore Matteo Bassetti, direttore di malattie infettive del san Martino di Genova, intervenendo a ‘Tagada” su La7. Il riferimento è a quanto ha affermato Walter Ricciardi su una chiusura corposa per due, tre quattro settimane.

LEGGI ANCHE: Cts: “Ricciardi non parla a nome nostro, noi contrari al lockdown”

Rispetto alle chiusure, “le misure da rafforzare dovevano essere messe in campo anche prima – sferza Bassetti – le varianti andavano contenute tre mesi fa, con lo studio e il sequenziamento. Quanti sono i laboratori che lavorano su questo? Pochi. Quando annunciamo un lockdown bisogna ricordare cosa è stato lo scorso anno e su quali basi lo abbiamo attivato: condizioni totalmente diverse rispetto ad oggi. In questo momento abbiamo Regioni in colore arancio, che già hanno misure di contenimento abbastanza stringenti. Se si vuole fare un lockdown, allora si assuma una posizione politica, ma la chiusura può avere senso in un alcuni territori non in tutti: zone bordeaux, in caso, neanche rosse, come sta avvenendo in Umbria ma non per tutte le Regioni. Se qualcuno dovesse chiedermi di far parte del Cts domani, per andare a fare la comparsa direi di no. Se invece si vuol cambiare qualcosa sarebbe diverso, ma cambi di passo rispetto al governo precedente mi sembra non vi siano. Incido molto di più nell’ospedale dove lavoro”. E rispetto al blocco degli impianti sciistici, Bassetti è molto chiaro: “La situazione che ha portato a bloccare tutto qualche ora fa la conoscevamo da giorni, non c’era bisogno di arrivare all’ultimo miglio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»