Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dg della Asl di Chieti: “Lockdown subito, siamo seduti su una bomba”

Posti di blocco lockdown
Preoccupano i dati abruzzesi: risulta infetto l'1% della popolazione con una forte prevalenza della variante inglese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESCARA – “Con una circolazione virale così alta si mette a rischio seriamente la vaccinazione oltre che la salute collettiva. Se solo fosse nelle mie facoltà chiederei il lockdown per i Comuni con il maggior numero di contagi“. È la presa di posizione del direttore generale della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael, sulla situazione Covid in alcuni territori della regione Abruzzo dove risulta infetto l’1% della popolazione con una forte prevalenza della variante inglese. Osservati speciali sono Chieti, San Giovanni Teatino, Francavilla, Bucchianico e Atessa.

LEGGI ANCHE: Abruzzo, da domenica province di Pescara e Chieti in zona rossa

Forse non siamo ancora riusciti a far comprendere alla popolazione che siamo tranquillamente seduti su una bomba – prosegue – e che la mutazione del virus presente massicciamente tra le persone contagiate produce effetti mai visti prima. Il 43% dei positivi è al di sotto dei 40 anni, molti sono affetti da polmonite e con sintomi importanti, mentre il 44% ha un’età compresa tra 50 e 69 anni. È evidente che siamo davanti a una situazione inedita, davanti alla quale non possiamo né chiudere gli occhi né rispondere con misure blande. Il punto centrale è uno – prosegue Scahel -: le persone devono stare in casa. Proprio come veniva raccomandato un anno fa. Non ci sono le condizioni per comportamenti da vita normale semplicemente perché non siamo in una situazione di normalità”.

“Per cui niente shopping – incalza Schael – niente passeggiate, niente incontri con parenti e amici nei Comuni a più alta prevalenza di infezione: dobbiamo necessariamente arrestare la circolazione del virus, che continua a essere diffuso anche dai numerosi positivi asintomatici ancora in giro. La misura della drammaticità della situazione ci è data dai risultati dei tamponi molecolari, che nel nostro territorio vengono eseguiti massicciamente, arrivando ormai a superare i 1.700 al giorno, e che consegnano un quadro con il quale abbiamo il dovere di confrontarci, e che sarà portato mercoledì all’attenzione del tavolo permanente in Prefettura. Se non mettiamo riparo la variante inglese ci metterà in ginocchio”.

I TEST

Intanto continuano gli screening con i tamponi antigenici: a San Giovanni Teatino si va avanti per tutta la settimana con una postazione, mentre ad Atessa mercoledì mattina il test di massa si sposta a scuola e coinvolgerà circa 500 studenti. Nel week end appena concluso sono stati eseguiti 17.619 tamponi, dei quali 88 risultati positivi. Archi; 113 tamponi (0 positiv); Atessa 3.219 tamponi (10 positivi); Bucchianico 1.141 tamponi (6 positivi); Casalincontrada 816 tamponi (1 positivo); Chieti 4.267 tamponi (36 positivi); Cupello 1.067 tamponi (2 positivi); Francavilla al Mare 654 tamponi (8 positivi); Gissi (scuola) 56 tamponi (0 positivi); Giuliano Teatino 479 tamponi (1 positivo); Lanciano (ospedale) 58 tamponi (4 positivi); Lentella 48 tamponi (0 positivi); Ortona (ospedale) 41 tamponi (0 positivi); Palmoli 100 tamponi (3 positivi); San Giovanni Teatino 549 tamponi (4 positivi); Tufillo 143 tamponi (1 positivo); Vasto 4.868 tamponi (12 positivi).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»