Vaccini Covid, nel Lazio dall’1 marzo impegnati i medici di medicina generale

Il 18 febbraio al via le prenotazioni per le vaccinazioni degli operatori della scuola e dell'Università, entro aprile vaccinati tutti gli over 80
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dall’inizio del prossimo mese tutti i medici di medicina generale del Lazio saranno impegnati nelle vaccinazioni contro il Covid. “Il primo marzo partirà la campagna con i medici di medicina generale, per noi è un punto straordinario. Hanno firmato tutte le sigle dei medici, quindi tutti i 4mila medici saranno impegnati”, ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, a margine dell’inaugurazione del centro di vaccinazione Covid-19 all’Auditorium Parco della Musica.

“Partiremo con il vaccino Astrazeneca dalla classe di età 1966, faremo due classi al mese. Se avessimo più dosi a disposizione le popolazioni interessate sarebbero superiori a quelle attuali”, ha aggiunto D’Amato.

ENTRO APRILE CONTIAMO DI FINIRE LE VACCINAZIONI PER GLI OVER 80

“Il Lazio è la regione che attualmente ha vaccinato il maggior numero di over 80, con oggi supereremo abbondantemente i 50mila, pari al 13% della popolazione target. Confidiamo, dosi permettendo, di concludere gli over 80 entro aprile e di proseguire il resto della campagna vaccinale”.

DA GIOVEDÌ PRENOTAZIONI PERSONALE SCUOLA-UNIVERSITÀ

“Il 18 febbraio inizieranno le prenotazioni per le vaccinazioni degli operatori della scuola e dell’Università, saranno via web e scaglionate in tre fasce d’età: 55/45, 35/44 e sotto i 34 anni”, ha poi reso noto D’Amato.

IL 18% INTERESSATO DA VARIANTE INGLESE

“Abbiamo circa un 18% interessato dalla variante inglese. È una corsa contro il tempo, ecco perché è importante avere le giuste dosi di tutti i vaccini, sia quelli approvati che quelli in arrivo, di cui chiediamo che vengano fatte velocemente tutte le opportune verifiche degli standard di qualità”, sottolinea D’Amato.

“AIFA PERMETTA ASTRAZENECA FINO A 65 ANNI”

“È importante, anche alla luce dei recenti studi, che possano essere riviste da Aifa le raccomandazioni sul vaccino Astrazeneca, consentendo anche una somministrazione fino ai 65 anni di età, come avviene in Germania e Francia: questo aiuterebbe molto le categorie professionali”, spiega l’assessore regionale alla Sanità.

AL VIA HUB ALL’AEROPORTO DI FIUMICINO

“Stamani sono iniziate all’hub dell’aeroporto di Fiumicino le vaccinazioni alle forze dell’ordine, nel pomeriggio ci sarà uno straordinario contributo della Polizia di stato a Tor Cervara”, ha aggiunto D’Amato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»