Maturità 2021, il ministro Bianchi: “Sull’esame decideremo in settimana”

patrizio_bianchi
Tra i nodi da sciogliere per il neoministro dell'Istruzione ci sono anche il prolungamento di due settimane dell'anno scolastico e il reclutamento dei docenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sugli esami di Stato “decideremo in settimana. I ragazzi stiano tranquilli”. Lo ha detto il neoministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in un’intervista pubblicata oggi sul quotidiano ‘La Repubblica’. Sulle modalità dell’esame, Bianchi non ha anticipato nulla, aggiungendo però: “so che è già stata fatta una grande istruttoria e ho sempre rispetto per il lavoro realizzato da chi mi ha preceduto”. Il secondo obiettivo per il ministro dell’Istruzione sarà quello di riportare tutti gli studenti in classe: “La sicurezza delle scuole, sia pandemica che strutturale, sarà un punto forte del mio mandato. Riporteremo i ragazzi in classe con la giusta cautela e gli investimenti del Recovery Fund”.

C’è poi il tema del recupero degli apprendimenti, che il presidente del consiglio Mario Draghi vorrebbe risolvere prolungando di due settimane l’anno scolastico. Bianchi ha riconosciuto che “docenti e studenti nel 2020 hanno lavorato tanto” e che “i ritardi e le mancanze sono diversi, a seconda delle aree, delle scuole”. “Dovremmo intervenire su quella fascia che ha sofferto la didattica a distanza, in particolare gli adolescenti del Sud e delle aree interne”. Infine, la questione del reclutamento dei docenti: “Serve mettere mano alla questione e farlo adesso per avere docenti a settembre”, aggiungendo poi “conosco la questione sull’arruolamento, con le carte in mano arriveremo presto a formulare atti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»