Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Flash mob a Napoli per il suicidio del 16enne di Genova: “No morte per proibizionismo”

NAPOLI - Flash mob degli studenti a Napoli a
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Flash mob degli studenti a Napoli a due giorni dalla morte del sedicenne di Lavagna (Genova) suicidatosi nel corso di una perquisizione in cui sono stati rinvenuti 10 grammi di hashish. I ragazzi del KAOS Kollettivi Autonomi per l’Organizzazione Studentesca, mostrando dei cartelli con la scritta ‘Non si può morire di proibizionismo‘ invitano gli studenti “medi e universitari a prendere posizione – spiegano – perché è da anni che riteniamo che uno dei modi per ridurre i profitti della criminalità organizzata sia la totale liberalizzazione delle droghe leggere“.

Poi proseguono: “In secondo luogo, coerentemente con il lavoro che conduciamo all’interno delle nostre scuole attraverso i collettivi studenteschi, non possiamo tollerare l’irruzione delle forze dell’ordine e dei cani anti-droga all’interno dei luoghi della formazione. Non è di certo terrorizzando gli adolescenti che si abbattono i grandi traffici internazionali. L’episodio di Lavagna é abominevole, si tratta di una vicenda che ci fa capire chiaramente che proibizionismo e repressione sono armi potentissime, che per di più se usate a sproposito possono distruggere la vita di tantissimi adolescenti e delle loro famiglie”.

di Nadia Cozzolino, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»