Ue-Canada, approvato il Ceta. Juncker: “Comincia una nuova era”

  ROMA - Il trattato per il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 


ROMA – Il trattato per il libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada è stato approvato oggi dal parlamento dell’Ue. In favore dell’accordo si sono espressi 408 deputati. Duecentocinquantaquattro i contrari e 33 gli astenuti.

“Il voto di oggi del Parlamento europeo è una tappa importante nel processo democratico per la ratifica dell’accordo raggiunto con il Canada e permette anche la sua entrata in vigore in forma provvisoria. Le imprese e i cittadini dell’Unione europea inizieranno a raccogliere i frutti che l’accordo offre il più presto possibile”. Il primo commento all’approvazione del ceta da parte dell’Europarlamento è del presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker.

Il commissario per il commercio Cecilia Malmstrom aggiunge: “Questo voto è l’inizio di una nuova era nelle relazioni Ue-Canada. Insieme stiamo inviando un segnale forte con la costruzione di ponti piuttosto che muri, siamo in grado di affrontare le sfide” che si pongono all’economia e “alle nostre società. Il Canada è uno stretto alleato dell’Europa. Condividiamo valori e ideali, e un impegno ad aprire i mercati e a creare politiche sociali eque”.

Ora spetta ai singoli parlamenti nazionali dell’Ue ratificare l’accordo, che però entra in vigore “provvisoriamente” già nel prossimo mese di aprile. Il Ceta è stato approvato con i voti di Popolari, Liberali e Conservatori, e singoli deputati di altre forze presenti al Parlamento di Strasburgo, i quali però assegnano all’accordo significati diversi, emersi chiaramente nel dibattito e nel voto sulle relazioni allegate (con l’interpretazione politica del testo), nessuna delle quali è stata approvata.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»