Ap accoglie la proposta di Ius su imposte indirette

SAN MARINO - Prima di abbandonare completamente la monofase, Alleanza popolare chiede di pensarci meglio. Il partito di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – Prima di abbandonare completamente la monofase, Alleanza popolare chiede di pensarci meglio. Il partito di Mario Venturini, in una nota, coglie infatti le preoccupazioni e le proposte di Ius, Imprenditori Uniti Sammarinesi rispetto alla riforma delle imposte indirette. I rappresentanti dell’organizzazione economica hanno infatti incontrato una delegazione di Ap in cui si è parlato, in particolare, delle “problematiche relative al progetto di abbandonare il sistema monofase a favore di un sistema Iva, denominato Igc”: ovvero “l’aumento della burocrazia- prosegue il partito di maggioranza- la diminuzione della competitività del sistema di vendita al dettaglio di beni e servizi e l’incremento generale dei prezzi in un contesto di crisi ancora perdurante e poca chiarezza sulle prospettive complessive dell’economia sammarinese”.

IUS_smA seguito di questo confronto “Alleanza Popolare- riferisce la nota- non può che condividere le preoccupazioni di salvaguardare il fragile sistema economico sammarinese e con esso la nostra dimensione di Stato sovrano”. Non solo, l’alleato di maggioranza “ritiene necessaria un’attenta ponderazione sull’ipotesi di abbandonare completamente il sistema Monofase“. Diversamente, “reputa interessante- prosegue- la proposta di Ius- di prevedere un sistema misto, uno per il comparto industriale e uno per quanto attiene al settore del commercio al dettaglio, turismo, artigianato e dei servizi”. Alleanza Popolare fa sapere di reputare “non accettabili soluzioni affrettate e divisive- manda a dire- che rischiano di risolvere alcuni problemi, ma di recare consistenti danni al sistema economico complessivo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»