Il Chianti punta all’Asia: obiettivo un milione di ettolitri

FIRENZE - L'obiettivo è quello di "arrivare a vendere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Chianti_Marco Alessandro BaniFIRENZE – L’obiettivo è quello di “arrivare a vendere un milione di ettolitri di vino all’anno. Un traguardo che garantirà equilibrio e redditi sufficienti alle aziende agricole”. Lo sottolinea alla ‘Dire’, a margine dell’anteprima della vendemmia 2015, il direttore del Consorzio vino Chianti, Marco Alessandro Bani, che spiega: attualmente il 70% della produzione finisce sui mercati esteri, “principalmente negli Stati Uniti, in nord Europa e in Giappone”.

Tre aree importanti per numeri e fatturato e tuttavia insufficienti per assorbire la soglia messa nel mirino: si parla in pratica di circa 135 milioni di bottiglie, 20 milioni in più dell’annata 2015 (840.000 ettolitri). Per questo il Consorzio Chianti si sta affacciando su nuovi orizzonti come il Sud America, ma soprattutto, prosegue Bani, “sta lavorando in Asia, sul mercato dell’est: Cina, Korea, Singapore, lo scopo è trovare nuove sbocchi”.

di Diego Giorgi, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»