Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Green pass, a Pistoia assessore leghista lo paragona al nazismo. Pd: “Si dimetta”

NO_GREEN_PASS_SAN_GIOVANNI1
L'assessore comunale della Lega aveva scritto: "Questa roba ha molta più attinenza con il nazismo che con la sanità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il geniale assessore leghista di Pistoia, Alessio Bartolomei, che con parole infami ha paragonato al nazismo l’introduzione del super green pass dovrebbe dimettersi o essere rimosso subito dal suo incarico, ed espulso altrettanto immediatamente dal suo partito per manifesta indegnità. Soprattutto sarebbe opportuno che si vergognasse per il resto della sua vita. E, poi, per capire cosa fu davvero il nazismo, dovrebbe essere portato in visita a Sant’Anna di Stazzema, o a Larciano davanti al monimento per le vittime dell’Eccidio del Padule di Fucecchio”. Così il senatore del Pd Dario Parrini, presidente della commissione Affari costituzionali a Palazzo Madama.

Il riferimento di Parrini è a un commento su Facebook dell’assessore comunale della Lega che, rispondendo a una cittadina che contestava le regole anti-covid, ha scritto: “Questa roba ha molta più attinenza con il nazismo che con la sanità; ma come già accaduto molte altre volte nella storia, ci se ne accorgerà quando sarà troppo tardi. E poi ci chiederemo: ‘ma come è possibile che sia accaduto?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»