Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Quirinale, Bonaccini rilancia la candidatura di Draghi: “Un errore escluderlo”

stefano bonaccini
"Credo che sia un segnale di debolezza la candidatura di Berlusconi delle presunte leadership di Salvini e Meloni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Egoisticamente da presidente della regione Emilia Romagna dovrei dire ‘teniamo Draghi fino a fine legislatura’ perchè è una garanzia per la continuità di governo. Penso sia un errore dire oggi pubblicamente che Draghi è tolto dalla corsa al Quirinale. Non perchè io debba dire che debba andarci o meno, ma perchè io non brucerei alcun nome, mi terrei pronto a opporre a Berlusconi tutto ciò che serve per unire”. Così il presidente della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, nel corso della direzione del Pd.

Credo che sia un segnale di debolezza la candidatura di Berlusconi delle presunte leadership di Salvini e Meloni”, continua. “Non si era mai vista una autocandidatura nè uno scouting così smaccato e grossolano”.

LEGGI ANCHE: Quirinale, Letta propone un “patto di legislatura” e boccia Berlusconi: “Presidente sia super partes”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»