Campania resta ‘gialla’, De Luca: “Nessun rompete le righe o è suicidio”

"Il mio obiettivo e quello del governo della Regione è di fare della Campania la prima regione d'Italia e d'Europa a uscire dall'epidemia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Siamo in zona gialla, ma sarebbe un suicidio per la Campania immaginare che siamo di fronte al rompete le righe. Non è una situazione in cui possiamo consentirci di fare la ricreazione”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in un diretta Facebook. “Non dobbiamo esaltarci per il fatto che la Campania resta in zona gialla – ha proseguito – ma dobbiamo essere ancora più preoccupati”. Il governo “continua con le zone e i provvedimenti parziali, è una linea sbagliata, servirebbe – ha suggerito il governatore – un provvedimento unico in tutta Italia, salvo che per le regioni da mettere in zona rossa. Si vorrebbero poi introdurre pure le zone bianche, con questi chiari di luna mi sembrerebbe del tutto irresponsabile”.

LEGGI ANCHE: Covid, da domenica Lombardia, Sicilia e Bolzano ‘rosse’. Ecco il nuovo Dpcm

DE LUCA: “CAMPANIA SARÀ PRIMA REGIONE EUROPEA A USCIRE DA EPIDEMIA

“Il mio obiettivo e quello del governo della Regione – aggiunge il governatore – è di fare della Campania la prima regione d’Italia e d’Europa a uscire dall’epidemia. Serve una organizzazione al limite della pazzia, ma sono convinto che siamo in grado di raggiungere questo obiettivo entro dicembre 2021″. De Luca sostiene che entro l’anno potrebbero essere vaccinati “4,2 milioni di cittadini campani”. L’obiettivo è di fare “20mila vaccinazioni al giorno” ma “il problema – avverte – che abbiamo e’ la quantita’ di vaccini disponibili”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»