Covid, il seminario internazionale dei fisioterapisti respiratori

Il quadro su come la professione stia contribuendo a fronteggiare l'emergenza pandemica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Come i fisioterapisti respiratori stanno contribuendo a combattere la pandemia da CoViD-19? Con quali specificità professionali stanno contribuendo alle cure, all’assistenza, al ritorno alla vita quotidiana dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2? Quali sono le esperienze internazionali di questi professionisti che lavorano in stretta collaborazione con le equipe mediche, ma anche assicurando quella continuità ospedale-territorio che ormai è considerata l’elemento distintivo delle Sanità più avanzate? Sono le domande che si è posta l’Associazione Riabilitatori dell’Insufficienza Respiratoria ARIR, e che confluiscono nel seminario internazionale RESPIRATORY PHYSIOTHERAPISTS FIGHTING CoViD-19 (ore 13-19, 15 gennaio 2021), evento online a numero chiuso per cui di prevede la partecipazione di oltre 800 specialisti di settore. Qual è nel concreto il razionale del seminario internazionale? “Il 2020 è stato dominato dalla pandemia causata dall’infezione da Coronavirus”, sottolineano i responsabili scientifici dell’evento Andrea Lanza (Vicepresidente ARIR, Equipe Fisioterapia Respiratoria, Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Milano) ed Emilia Privitera (Consigliere ARIR, Fisioterapista, Dipartimento Professioni Sanitarie, IRCCS Ca’ Granda-Ospedale Maggiore Policlinico, Milano), “Mai come in questa occasione, l’esperienza reciproca, diffusa rapidamente attraverso tutti i canali disponibili di comunicazione scientifica e non scientifica si e’ rivelata l’arma piu’ efficace. Oggi, nel pieno della seconda ondata dell’epidemia, crediamo sia importante trovare un momento per condividere esperienze professionali, strategie terapeutiche e modelli organizzativi per la gestione della CoViD-19, anche nell’ottica di un prevedibile ritorno ciclico dell’epidemia nei prossimi mesi”.

L’evento ARIR sarà diviso in tre differenti sessioni: FISIOPATOLOGIA ED APPROCCIO CLINICO AL COVID-19, in cui interverranno – oltre a fisioterapisti specialisti ed esperti in ambito respiratorio – alcuni tra i medici pneumologi e intensivisti che fin dall’inizio della pandemia stanno partecipando allo sforzo delle rispettive unità operative; LE RISPOSTE DEGLI ESPERTI AI QUESITI CLINICI, in cui fisioterapisti italiani, coinvolti nella gestione di pazienti pazienti affetti da CoVid-19 in reparti con differenti intensita’ di cure, discuteranno a proposito di vari aspetti della gestione di questi pazienti insieme a esperti colleghi stranieri provenienti da vari Paesi colpiti dalla pandemia: A. Balana Corbero’ (Spagna), M. Goncalves (Portogallo), W. Yamaguti e M. Karsten (Brasile), Daniel Rowley (University of Virginia Medical Center, USA e Presidente dell’International council for respiratory care); e infine una sessione sugli ASPETTI ORGANIZZATIVI nelle esperienze di tutti i partecipanti all’evento. In questa sessione si confronteranno i differenti modelli organizzativo-professionali con cui i fisioterapisti e gli specialisti di pneumologia di tutto il mondo hanno affrontato (e continuano ad affrontare) la pandemia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»