Navi dei veleni, Costa: “Stanziato 1 milione di euro per nuove indagini in Calabria”

"Sarà conferita la medaglia d'oro al valore ambientale al capitano Natale De Grazia", ha detto il ministro dell'Ambiente nel corso del Question time
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il ministero dell’Ambiente ha “stanziato un milione di euro per nuove indagini di natura tecnica su tre spazi di mare” interessati dalla vicenda delle cosiddette ‘navi dei veleni’ che si ritiene affondate cariche di rifiuti, anche nucleari, a largo delle coste “prospicienti la zona cosentina, Amantea e Cetraro, e a Capo Spartivento, sulla zona ionica, a Reggio Calabria”.

Indagini tecniche per “capire cosa c’è e cosa è accaduto“. Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, lo dice nel corso del Question time alla Camera rispondendo a un’interrogazione della deputata di LeU Rossella Muroni.

A DE GRAZIA MEDAGLIA D’ORO AL VALORE AMBIENTALE

“Il capitano Natale De Grazia è stato un servitore dello Stato” che “conduceva indagini sul traffico rifiuti e sulle ‘navi a perdere'”, quelle che si ritiene affondate cariche di rifiuti, anche nucleari, nel mare della Calabria, a largo delle coste “prospicienti la zona cosentina, Amantea e Cetraro, e a Capo Spartivento, sulla zona ionica, a Reggio Calabria”. A oggi vi sono “ancora dubbi sul suo decesso”, dubbi emersi anche dai lavori della commissione Ecomafie dal 2012. “Alla luce di questo, visto che si parla di servitore dello Stato e di qualcuno che ha aperto un cono di luce su una vicenda” come quella delle navi dei veleni, “per una commemorazione del capitano De Grazia ho attivato la procedura per conferirgli la medaglia d’oro, la più alta onorificenza della Repubblica, al valore ambientale”, conclude il ministro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»