Sardine a Bibbiano contro lo ‘sciacallo’ Salvini

Proprio nel Comune diventato il simbolo dell'inchiesta sui presunti affidi illeciti di minori, lo stesso giorno, il leader della Lega chiuderà la campagna elettorale per le regionali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO EMILIA – “Gli sciacalli passano, le sardine restano“. E’ lo slogan scelto dal movimento delle Sardine di Reggio Emilia per il flash mob previsto il prossimo 23 gennaio a Bibbiano. Proprio nel Comune diventato il simbolo dell’inchiesta sui presunti affidi illeciti di minori, lo stesso giorno, il leader della Lega Matteo Salvini ha annunciato l’intenzione di concludere la propria campagna elettorale per le regionali in programma il 26 gennaio.

LEGGI ANCHE: Sondaggio Dire-Tecnè: il partito delle sardine vale l’11,4%, ma non toglie voti alle destre

Le sardine spiega il leader reggiano del movimento Youness Warhou, si danno appuntamento alle 19 in piazza della Repubblica, di fronte al municipio. “Usare la clava con Bibbiano, così ululano gli sciacalli. Li abbiamo visti in sfilata elettorale sugli scalini del Comune di Bibbiano, screditando le istituzioni e macchiando tutta la sua comunità”, scrive Warhou su Facebook. E ancora: “Usare la clava con Bibbiano, così si leggeva tra gli appunti di un militante della Lega per la propaganda in Emilia-Romagna”. Per questo, “noi Sardine scendiamo in piazza della Repubblica a Bibbiano, luogo simbolo della strumentalizzazione politica e dello sciacallaggio messi in atto dalla Lega per puri fini elettorali”. Conclude Warhou: “Abbiamo visto i bibbianesi stritolati nella gogna mediatica che li ha visti coinvolti da vicino, a partire dai continui attacchi personali e dall’assedio del paese da parte di presidii e giornalisti. Adesso basta: Bibbiano non si lega“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»