Emiliano a Foggia: “Fare il mafioso è una cosa stupida”

Lo dichiara il presidente della Regione Puglia da Foggia dove ha partecipato a un incontro sull'antimafia sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Fare il mafioso è una cosa stupida, senza senso, che toglie dignità a famiglie e figli che portano il marchio infame di essere figli di una famiglia mafiosa. Dobbiamo costruire una società civile che si organizza esattamente come la mafia che abbiamo di fronte e colpirla duramente non con le armi delle investigazioni, ma con l’arma del convincimento e sommergerli di idee nuove, di proposte di ottimismo e far comprendere loro che la mafia è una strada che porta o in galera o al cimitero”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano da Foggia dove ha partecipato a un incontro sull’antimafia sociale indetto subito dopo la marcia che l’associazione Libera ha organizzato lo scorso 10 gennaio in risposta agli attentati che hanno scosso la città a inizio anno.

“Oggi – ha puntualizzato il governatore – non è riunione dove ci occuperemo di indagini o ci occuperemo di forze dell’ordine. Il mio compito è quello di mettere insieme tutte le energie sane di questa città, far capire e sostenere tutti i soggetti che nelle provincia di Foggia possono contribuire all’educazione dei ragazzi, possono sostenere la resistenza degli imprenditori, possono, soprattutto, far comprendere il disagio che, in qualche caso, determina la scelta criminale per alcune persone”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»