Unibas, Cgil: “L’istituzione della facoltà di Medicina è atto propagandistico”

Il leader sindacale Angelo Summa invoca "chiarezza e trasparenza" su "tutti gli aspetti relativi a risorse, fattibilità e reali ricadute"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA – “Il dibattito sull’istituzione del corso di laurea in medicina e chirurgia all’Università di Basilicata continua a svolgersi in modo approssimativo e propagandistico, al di fuori di valutazioni che attengono non solo alla fattibilità, ma soprattutto alla sostenibilità e alle potenziali ricadute dentro un chiaro e conoscibile piano”. È quanto sostiene in una nota il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa.

Il leader sindacale invoca “chiarezza e trasparenza” su “tutti gli aspetti relativi a risorse, fattibilità e reali ricadute”. Il rischio, secondo Summa, è di ritrovarsi dinanzi a “scelte riconducibili a interessi che poco hanno a che fare con il futuro del nostro Ateneo e della nostra sanità”.

Per il segretario regionale della Cgil “un corso di laurea in medicina richiede investimenti e interventi infrastrutturali, laboratori, aule, personale tecnico amministrativo, corpo docente che necessitano di finanziamenti consistenti e pluriennali. Ecco perché, se non ponderato – ha aggiunto – rischia di essere talmente oneroso dal punto di vista economico da far collassare l’intero sistema universitario lucano, già messo a dura prova dai continui tagli al fondo di finanziamento ordinario”.

Summa ha inoltre precisato “che l’istituzione della facoltà di medicina non sottrarrà risorse all’attuale fondo sanitario regionale tanto da mettere a rischio la tenuta del sistema sanitario stesso”. Per la Cgil lucana, infine, “non è di secondaria importanza la scelta dell’Ateneo con il quale l’Unibas pensa di convenzionarsi”.

LEGGI ANCHE: Unibas, attesi entro il 31 gennaio i fondi per la facoltà di Medicina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

15 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»