Se questa Europa non cambia, muore.

ROMA - Le elezioni europee arriveranno a fine Maggio ma siamo già in campagna elettorale. La Lega di Salvini, e i
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le elezioni europee arriveranno a fine Maggio ma siamo già in campagna elettorale.

La Lega di Salvini, e i suoi alleati sovranisti europei, puntano a sovvertire gli attuali equilibri, a spostare le prossime scelte entro i confini degli interessi nazionali. Anche i ‘grillini’ vogliono sbaraccare la burocrazia europarlamentare.

E tutti gli altri? Chiaro che il modello Europa come lo abbiamo conosciuto non regge più, ha bisogno di rinnovarsi. Troppa finanza e poca politica, troppe partite giocate sulla testa dei cittadini.

Lo stesso presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker oggi, tranquillamente, ha fatto mea culpa: “Mi rammarico di aver dato troppa importanza all’influenza dell’Fmi… se la California entra in crisi, gli Usa non si rivolgono al Fondo, e noi avremmo dovuto fare lo stesso”.

E senza vergogna ha concluso: “Mi sono sempre rammaricato di una mancanza di solidarietà nei confronti della crisi greca: non siamo stati sufficientemente solidali con la Grecia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»