Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Camorra, vendicarono Emanuele Sibillo, il boss della paranza dei bambini: 7 arresti

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print In questo video Emanuele Sibillo, capo della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

In questo video Emanuele Sibillo, capo della paranza dei bambini di Forcella, viene portato all’ospedale Loreto Mare dopo che un cecchino gli ha sparato in pieno centro a Napoli. Stasera alle 23 su @SkyAtlanticHD e @SkyTG24 andrà in onda il documentario #ES17. #ConchitaSannino pic.twitter.com/RwZXNLRzJ0

— Roberto Saviano (@robertosaviano) 13 maggio 2018

NAPOLI – C’era la volontà di vendicare l’omicidio del baby boss Emanuele Sibillo, il capo della cosiddetta paranza dei bambini di Forcella, dietro l’assassinio di Vincenzo De Bernardo, avvenuto nel 2015 a Somma Vesuviana (Napoli). A ricostruire la dinamica del fatto sono stati i carabinieri del comando provinciale di Napoli che oggi hanno eseguito nove ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip del tribunale di Napoli su richiesta della Dda partenopea.

LEGGI ANCHE A Napoli accoltellato l’attore de “La paranza dei bambini”

A finire in cella, accusati dell’omicidio di De Bernardo, sono 7 persone, avversari del clan di camorra Mazzarella. Tra questi ci sono Luigi Esposito, capo della cosiddetta fazione dei ‘paesani’ e Luisa De Stafano del clan delle ‘pazzignane’ dedite allo spaccio di stupefacenti. Ordinanza di custodia in carcere anche per Ciro Rinaldi, boss dell’area est di Napoli, considerato uno dei più pericolosi latitanti di camorra.

Secondo la ricostruzione della procura, Vincenzo De Bernardo sarebbe stato ucciso proprio per rivendicare l’omicidio di Sibillo, noto come ES17. Vincenzo De Bernardo, infatti, è lo zio di Roberto De Bernardo, uno degli assassini di Sibillo. Ma Vincenzo De Bernardo è anche capo della fazione Mazzarella di Somma Vesuviana (Napoli) e Luigi Esposito, capo dei paesani di Marigliano, voleva frenare l’avanzata della costola vesuviana dei Mazzarella nel suo territorio.

Tra le persone fermate ci sono anche due persone ritenute responsabili del tentato omicidio di Antonio Amato nel settembre 2017. A colpire Amato, ferito gravemente durante l’agguato, sarebbe stato Roberto De Bernardo, figlio di Vincenzo De Bernardo e cugino omonimo del killer di Sibillo, Roberto De Bernardo. Ritorsioni incrociate che, secondo gli inquirenti, sarebbero emblematiche dei rapporti tra il clan napoletano Mazzarella e altri gruppi che operano in provincia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»