Incidente sulla Catania-Messina, tre morti

PALERMO  - Tre morti, tra cui un agente della polizia stradale, per un incidente sull'autostrada A18 Messina-Catania, all'altezza di Scaletta Zanclea. Il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO  – Tre morti, tra cui un agente della polizia stradale, per un incidente sull’autostrada A18 Messina-Catania, all’altezza di Scaletta Zanclea.

Il poliziotto, intervenuto per un incidente precedente, sarebbe stato colpito da un altro mezzo. Il Consorzio autostrade siciliane informa della chiusura dell’autostrada in direzione Messina, da Roccalumera a Tremestieri. Per i mezzi pesanti l’uscita obbligatoria è quella di Giardini Naxos, per quelli leggeri Roccalumera.

A perdere la vita è stato l’Assistente capo Angelo Gabriele Spadaro, di 56 anni, della sottosezione Polizia stradale di Giardini Naxos. L’uomo è rimasto schiacciato contro il guard-rail laterale dopo essere stato investito da un mezzo pesante. È morto al Policlinico di Messina per le gravissime lesioni subite. Nell’incidente è rimasto ferito l’altro componente della pattuglia, l’Assistente capo Giuseppe Muscolino, ricoverato in ospedale ma non in pericolo di vita.

Le cause dell’incidente sono in corso di accertamento ma i primi rilievi hanno fatto emergere il coinvolgimento di sei mezzi pesanti, due auto e un motociclo. Le indagini sono condotte dalla sezione Polizia stradale di Messina. L’autostrada è ancora chiusa, al chilometro 23, con uscita obbligatoria allo svincolo di Roccalumera.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»