Dialogo tra renziani e Salvini contro il M5S? Boschi e Bonifazi: “Ridicolo”

ROMA - In merito a un articolo del quotidiano La Repubblica, gli onorevoli Maria Elena Boschi e Francesco Bonifazi precisano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In merito a un articolo del quotidiano La Repubblica, gli onorevoli Maria Elena Boschi e Francesco Bonifazi precisano che al contrario di quanto scritto “non è previsto nessun confronto con il vicepremier Salvini, tantomeno per parlare di possibili alleanze. Anche solo pensarlo è semplicemente ridicolo”.

“Come è noto, si tratta di una cena organizzata da una Associazione che si occupa di giustizia e garantismo. E soprattutto non c’è nulla di segreto. La lista dei presenti è pubblicata online da tempo ed è molto ampia: numerosi personalità del mondo della politica – in modo trasversale -, accademici, imprenditori, giornalisti e soprattutto molti magistrati. Sorprende l’atteggiamento del quotidiano La Repubblica per l’ennesima volta interessato a una ricostruzione ridicola e totalmente falsa”, concludono Boschi e Bonifazi.

SALVINI: INVITO MI ONORA, CHIACCHIERE PD NON M’INTERESSANO

“Sono onorato di essere stato invitato a un evento al quale partecipano decine di giudici e magistrati di valore e spessore. Non mi interessano retroscena inesistenti e le inutili chiacchiere del Pd ma lavoro, insieme al governo, a una riforma seria della giustizia, civile e penale, che a questo paese manca e che nessun governo prima di questo è mai riuscito a realizzare”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla sua partecipazione stasera all’evento “una nuova giustizia, l’impresa che serve all’Italia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»