Fontana choc: “No ai migranti, è a rischio la razza bianca”

L'esponente leghista è il candidato del centrodestra per la presidenza della Regione Lombardia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – “Dobbiamo fare delle scelte, dobbiamo decidere se la nostra etnia, se la nostra razza bianca, se la nostra società deve continuare ad esistere o se la nostra società deve essere cancellata, è una scelta. Se la maggioranza degli italiani dovesse dire ‘noi vogliamo autoeliminarci’ vorrà dire che noi che non vogliamo autoeliminarci ce ne andremo da un’altra parte”. Lo ha detto Attilio Fontana, candidato del centrodestra per la presidenza della Regione Lombardia, ai microfoni di Radio Padania durante la trasmissione domenicale ‘Sulla strada della libertà’.
L’esponente della Lega, parlando del problema migranti, osserva: “E’ assolutamente inaccettabile dire che dobbiamo accettarli tutti, è un discorso demagogico, a cui dobbiamo reagire, dobbiamo ribellarci: non possiamo accettarli tutti. Vorrebbe dire che non ci saremmo più noi come realtà sociale e etnica, perché loro sono molti più di noi, perché loro sono molto più determinati di noi nell’occupare questo territorio. Di fronte a queste affermazioni dobbiamo ribellarci, non possiamo accettarle, perché qui non è questione di essere xenofobi o razzisti, ma di essere logici e razionali: noi non possiamo perché tutti non ci stiamo”.
L’ex sindaco di Varese sottolinea che “uno Stato serio dovrebbe programmare e dire: noi vogliamo e riteniamo giusto che possono essere accolti 1, 100mila, 10 milioni di immigrati, dire come vogliamo assisterli, quali case, lavori e scuole vogliamo dare loro, a quel punto chiedere ai cittadini se sono d’accordo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»