Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Attivista R.D. Congo: “Ridare al popolo i milioni rubati da Kabila”

CONGO HOLD UP-minCONGO HOLD UP-min
"Se informata, l'opinione pubblica può contribuire a lottare contro la corruzione" sottolinea Mputu all'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo costituendo un team di avvocati che lavorerà per far restituire tutti i beni pubblici sottratti alla popolazione”: a parlare con l’agenzia Dire è Jean-Claude Mputu, responsabile di Le Congo n’Est pas à Vendre (Cnpav), alleanza di 16 ong in prima fila nella denuncia di illeciti milionari riconducibili all’ex presidente Joseph Kabila.

La tesi è che, con l’impegno dei legali, sia possibile allo stesso tempo recuperare risorse e inviare un segnale. “Siamo convinti che l’opinione pubblica, se è informata in modo corretto su come e a beneficio di chi sono utilizzate le risorse pubbliche, può contribuire a lottare contro la corruzione” sottolinea Mputu. “Pretendere la restituzione dei fondi trafugati, sia nel Paese che all’estero, dove sono giunti complice la mancata vigilanza da parte di alcune banche, significa dire che l’impunità qui non ha più posto”.

La base di partenza è “Congo Hold-Up”, un’inchiesta frutto del lavoro di cinque ong e una ventina di testate giornalistiche che hanno vagliato oltre tre milioni e 500mila documenti. Al centro dell’indagine, che scuote ormai da settimane la politica e la società civile a Kinshasa e che ha ripercussioni anche a livello internazionale, c’è l’istituto di credito gabonese Bgfi Bank. Tra il 2011 e il 2018 la sua filiale nella Repubblica democratica del Congo è stata diretta da Francis Selemani Mtwale, un fratello adottivo di Kabila. Sulla base di questa relazione, e anche con un ruolo di intermediari finanziari europei, come la banca svizzera Ubs, sarebbero stati sottratti alle casse pubbliche almeno 138 milioni di dollari.

“In parte questi soldi provengono dalle ricchezze minerarie dell’est del Congo, attraverso la società statale Gecamines” denuncia Mputu. “Il sistema era strutturato per beneficiare familiari e amici politici di Kabila, un presidente che invece di servire il popolo ha finito per depredarlo”.
Secondo stime delle Nazioni Unite diffuse a novembre, circa 27 milioni di congolesi sono a rischio fame a causa di conflitti e carestie nonostante il Paese sia ricco di coltan e cobalto, minerali fondamentali per l’industria delle auto elettriche e degli smartphone.

A indagare sulle transazioni sospette sono state tra le altre le ong Public Eye e Platform to Protect Whistleblowers in Africa (Pplaaf), la rete European Investigative Collaborations e la testata francese Mediapart. Nell’inchiesta è coinvolta la Sud Oil, una società fittizia con sede legale a Kinshasa. Altro snodo chiave sarebbe stata poi la Bgfi, acronimo di Banque gabonaise et française internationale. Questo istituto di credito, il principale dell’Africa centrale, con circa 2200 dipendenti e filiali in 11 Paesi, ha sede centrale in un Paese governato sin dal 1967 dalla famiglia Bongo, prima con Omar, poi con il figlio Ali.

ACCORDO CON UNA MULTINAZIONALE DI DUBAI PER IL PORTO ATLANTICO 

Un accordo per la costruzione del primo porto in acque profonde della Repubblica democratica del Congo in riva all’Oceano Atlantico è stato firmato dal presidente Felix Tshisekedi con i rappresentanti di Dp World, colosso dei trasporti e della logistica con base negli Emirati Arabi Uniti.
I lavori dovrebbero cominciare nel primo trimestre del 2022 a Banana, una penisola situata presso la foce del fiume Congo, lungo i 37 chilometri di costa atlantica del Paese.
In occasione della cerimonia della firma, si legge in una nota di Dp World, Tshisekedi ha detto che lo scalo “trasformerà la Repubblica democratica del Congo in un hub commerciale a livello regionale e beneficerà in particolare la provincia di Kongo Central, che ha già un porto, creando posti di lavori in aggiunta ai vantaggi in termini di crescita economica per l’intero Paese”.

Nel comunicato, Dp World riferisce inoltre che Banana “garantirà risparmi di tempo e di costi per il commercio nazionale e attrarrà navi dall’Asia e dall’Europa”.
L’intesa per lo scalo, di un valore di circa un miliardo e 300 milioni di dollari, era stata firmata in origine nel 2018 dall’allora presidente Joseph Kabila. Tshisekedi aveva però chiesto di rivedere alcuni punti, in particolare rispetto alle modalità della concessione di utilizzo a Dp World, che pure nel nuovo accordo è stata confermata.
Sulla base dell’intesa, siglata sabato, la prima fase dei lavori prevede la realizzazione di un molo di 600 metri quadrati e di uno spazio di stoccaggio esteso su 25 ettari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»