Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La giornalista Lucia Goracci sequestrata in Romania dalla ministra no vax

ministra no vax romania
Prima la concessione dell'intervista, poi il sequestro, le menzogne alla Polizia e le botte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La giornalista Rai Lucia Goracci e la sua troupe sono stati sequestrati dalla senatrice romena no-vax Diana Iovanovici Șoșoacă. Per otto ore sono stati trattenuti in commissariato, la liberazione solo grazie all’intervento della Farnesina.

LA VICENDA

Durante l’intervista concessa alla troupe Rai, la ministra nega i morti e l’esistenza stessa della pandemia, fino ad alludere a una ‘Norimberga 2′ per chi, invece, riconosce la gravità della diffusione del Covid. Poi, mette alla porta la troupe. Ma, all’improvviso, accade l’imponderabile: la ministra impedisce fisicamente ai giornalisti di uscire, bloccando la porta con il suo corpo e chiamando la polizia, mentendo: dice che delle persone hanno fatto irruzione e di intervenire subito. Goracci riesce ad uscire e a spiegare l’accaduto ai poliziotti, chiedendo loro la liberazione della troupe. Non viene creduta. Non solo: viene addirittura picchiata dal marito della ministra, la quale chiede alla polizia di perquisire lei e i colleghi “perché devono avere rubato”. Chiede anche: “Cancellate tutte le immagini”. La giornalista e la troupe vengono portati in commissariato, perquisiti e liberati solo otto ore dopo.

FEDELI: “SOLIDARIETÀ A GORACCI, GOVERNO CHIEDA SPIEGAZIONI A BUCAREST”

“Come capogruppo Pd in commissione di Vigilanza Rai esprimo a Lucia Goracci, alla troupe, al Tg1 e a tutta la Rai la piena e forte solidarietà per il gravissimo episodio di violenza subito in Romania da parte di una senatrice no-vax. Un’aggressione con sequestro della cronista che chiama in causa non solo il diritto d’informazione ma anche le relazioni tra Italia e Romania. Goracci, infatti, non solo non è stata difesa dalla polizia ma addirittura, come se fosse lei la colpevole, è stata perquisita e trattenuta ore in commissariato. Su questo riteniamo che il governo italiano debba pretendere spiegazioni e scuse da parte di Bucarest e per questo presenteremo un’interrogazione in commissione Esteri di Camera e Senato”. Così la capogruppo Pd in commissione di Vigilanza Rai Valeria Fedeli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»