Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sofia Goggia: “Basta astio con Brignone. Io ho una testa allucinante, su questo sono la più forte”

sofia goggia
Intervista della sciatrice al 'Corriere dello Sport'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quattro podi consecutivi, tre vittorie, tra Lake Louise e Sankt Moritz, Federica Brignone che le corre di fianco, quasi in un glorioso slalom parallelo delle vittorie. Sofia Goggia, intervistata dal Corriere dello Sport, dice che questa è una stagione difficile perché “quest’estate ero scoppiata mentalmente. Quella è una stagione difficile perché devi chiuderti in palestra e io, che sono maniacale, ho rischiato l’esaurimento. Penso spesso all’inverno e cerco di mettere tanto fieno in cascina, sopportando una mole di lavoro allucinante. Poi, il carico emotivo è pesante, soprattutto perché vado spesso a Verona e sono sempre lontana da casa. Ma so che è la cosa giusta anche per le mie ginocchiette, che sono un po’ vecchiette. Però a un certo punto non ce la facevo più: lunedì e martedì a Verona con Flavio, mercoledì a casa, giovedì e venerdì di nuovo sotto… Marcello è stato fondamentale perché ha capito questo mio “esaurimento” ed è venuto tutti i giorni da Lecco. Così ho staccato un attimo da Verona, anche perché dopo l’infortunio avevo già passato due mesi in quella palestra”.

“Mai mi sarei aspettata di poter fare un trittico di successi a Lake Louise perché a Copper Mountain, in allenamento, le prendevo”. Brignone invece sì: “Non ho mai avuto problemi con lei. È stato un caso pompato dopo la sua uscita infelice a margine della combinata dei Mondiali di Sankt Moritz 2017. Io voglio andare forte per me stessa, poi se vanno forte le altre, tanto meglio. Siamo compagne di squadre e basta. Mi dispiace che ci sia stato tanto astio negli anni. A volte i rapporti umani si inaspriscono, ma se si ha l’intelligenza di andare oltre, è meglio per tutti. Fede ha vinto 17 gare, ma per il potenziale che ha dovrebbe vincerne il doppio, e il discorso vale anche per me e Marta. Tanto di cappello per il record che ha battuto, però Compagnogni ha vinto tre ori olimpici, altrettanti mondiali, poi è di una generazione diversa. Non scherziamo”.

L’obiettivo è vincere anche in gigante: “Lavoro tanto in gigante – continua Goggia – ma soprattutto per dare stabilità alle mie gare veloci. Penso che si sia visto perché domenica, pur andando malino, sono arrivata sesta. Se quando non va bene arrivo sesta, ci si può leccare le dita. Penso di essere più solida interiormente e questo lo si vede anche sugli sci”.

Goggia racconta anche il suo infortunio da “turista”: “Nella sfiga, mi è andata bene”. “Quelle sensazioni mi servono ancora adesso quando non mi sento tanto sicura: mi basta ripensare che ero pronta a buttarmi giù un mese dopo di essermi rotta il piatto tibiale e con tre giorni di sci nelle gambe. Se sono a posto fisicamente, tutto funziona, perché ho una testa allucinante: su questo credo di essere la più forte“.

Come impiega il poco tempo libero? “Suono il piano. In Nordamerica ho portato la ‘magic pianola’, come l’abbiamo soprannominata. Il mio skiman Babi (Barnaba Greppi) non era per nulla contento perché si è aggiunta anche quella al nostro pulmino super carico. Poi ho letto dei libri, ho studiato un po’ di sociologia per il prossimo esame alla Luiss, però sono perfezionista anche lì e non mi sento mai pronta. Comunque, cerco sempre di dare qualità al mio tempo. La vita è fatta anche di quegli attimi in cui fai quello che ti piace“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»