Bologna è la città italiana in cui vivere

bologna
Il capoluogo è in testa alla classifica della qualità della vita nelle province pubblicata oggi dal Sole 24 Ore, ma tra le prime venti ci sono altre cinque città dell'Emilia-Romagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – È Bologna il territorio italiano in cui vivere, emerge nell’anno del Covid. La classifica generale (90 indicatori) della qualità della vita nelle province, pubblicata oggi dal Sole 24 Ore, premia infatti la città metropolitana delle Due Torri, che guida al primo posto seguita da Bolzano e Trento (entrambe stabili) guadagnando ben 13 posizioni, rispetto a un anno fa, e trainando un po’ tutte le altre province dell’Emilia-Romagna.

LEGGI ANCHE: Il Comune di Bologna regala 20.000 borracce agli alunni

Ben cinque emiliano-romagnole su nove, infatti, si incontrano tra le prime 20 classificate: oltre al capoluogo, ci sono Parma (ottava, più due posizioni), Forlì-Cesena (14esima, più 11), Modena (15esima, più quattro) e Reggio Emilia (17esima, più cinque). In particolare, come emerge dalla nuova classifica del Sole, la 31esima nel suo genere, Bologna risulta prima come livello di ricchezza e consumi, quarta in affari e lavoro, seconda in ambiente e servizi, terza in cultura e tempo sibero. Di contro, Bologna non brilla per sicurezza e gestione della giustizia (qui la metropoli è solo 106esima): si trova nella parte bassa della graduatoria nazionale, infatti, per denunce di furti, estorsioni, frodi, violenze sessuali, che diventa comunque “comune denominatore di molte città universitarie con un’alta presenza di fuorisede”, si legge nel report sulla qualità della vita.

LEGGI ANCHE: Bologna prepara un sistema di monitoraggio e allerta per i giovani hikikomori

In generale, nella nuova classifica il nord scende, ma il sud non scala la classifica: vengono colpite duramente, al tempo del coronavirus, le grandi aeree metropolitane come Milano (12esima, -11 posizioni), Roma (32esima, -14), Firenze (27esima, -12) e Venezia (33esima, – 24). Crescono invece Verona, Udine, Cagliari, Siena e Genova.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»