VIDEO | Agenzia Giovani: “Ragazzi protagonisti, ecco come”

L'Agenzia cerca di "informare i ragazzi. Noi ci siamo inventati un'attività: 'la palestra di progettazione'"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’Agenzia Nazionale per i Giovani “è una agenzia pubblica indipendente, vigilata dalla presidenza del Consiglio dei ministri e dalla Commissione europea, che ha come obiettivo quello di promuovere la partecipazione attiva dei ragazzi, e lo fa con la gestione dei principali programmi come Erasmus e il Corpo europeo di solidarietà”. A parlare Domenico De Maio, direttore generale Agenzia nazionale per i giovani, intervistato dall’agenzia Dire.

Il sito dell’agenzia è agenziagiovani.it, “ci sono informazioni e scadenze per presentare i progetti e accedere ai finanziamenti. Siamo presenti sui social, su tutti gli strumenti frequentati dai ragazzi”. L’Agenzia è già sbarcata in 13 regioni: “Ci siamo interrogati su come provare a diminuire la distanza tra ragazzi e istituzione centrale del Governo”, è stata “rigenerata una radio nei nostri locali a Roma, abbiamo lanciato una call per chiedere ad associazioni gestite da ragazzi di creare una radio. Ne sono nate 44, con il coinvolgimento di 500 ragazzi che dialogano con i territori. Hanno lo stesso nome dell’agenzia”. E ancora: “L’immaginiamo come una comunità di antenne territoriali. Siamo stati anche in territori piccolissimi. Attraverso il pretesto della partecipazione, rendiamo i ragazzi protagonisti”.

L’Agenzia cerca di “informare i ragazzi, spesso in Italia siamo sfiduciati dalle raccomandazioni, ci siamo inventati un’attività, ‘la palestra di progettazione’, dove tutti possono accedere, associazioni, presidenti, ragazzi. Si viene in sede, si trascorre una giornata con il personale dell’agenzia, spieghiamo come si scrive un progetto, come si traduce un’idea in un progetto. È nel momento in cui i ragazzi acquisiscono consapevolezza che si può iniziare a presentare un’idea. In un anno sono stati coinvolti piu di 1.000 ragazzi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»