Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Di Maio: “Non ci sarà nessuna ecotassa sulle Panda”

ROMA - "Sembra che M5S voglia mettere una tassa sulla Panda" e invece "non ci sarà nessuna tassa sull'auto degli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sembra che M5S voglia mettere una tassa sulla Panda” e invece “non ci sarà nessuna tassa sull’auto degli italiani, né le nuove né quelle già in uso“, con l’ecotassa che “sarà solo un ecobonus per le auto elettriche, ibride e a metano“.

Inoltre, “ci stiamo preparando a un piano per installare 20mila colonnine di ricarica elettrica con EnelX”. Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo dice a Mattino 5.

Abbiamo le città ostaggio dell’inquinamento, si fermano le auto fino a Euro4″, ricorda Di Maio, sollevando l’esigenza di “iniziare una rivoluzione della mobilità in Italia” che “non danneggi però chi possiede una Panda o una Punto” o auto straniere con le stesse caratteristiche.

Ciò detto, “miglioreremo la norma“, il testo alla Camera “era solo un punto di partenza”, segnala il vicepresidente del Consiglio. Intanto, conclude Di Maio, “stiamo incentivando fino a 6mila euro per le auto elettriche e poi ci stiamo preparando a un piano per installare 20mila colonnine di ricarica elettrica con EnelX, stiamo portando avanti un nuovo piano di installazione di colonnine” per la ricarica dell’auto elettrica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»