Vegas in Commissione: “Boschi mi parlò di Banca Etruria”

'Era preoccupata per la fusione con la Popolare di Vicenza. Risposi che Consob non era competente su aggregazioni'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho avuto modo di parlare della vicenda di Banca Etruria con l’allora ministro Boschi”. Lo rivela il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, nel corso dell’audizione in commissione di inchiesta sulle banche.

“Mi venne prospettato un quadro di preoccupazione– racconta- perché ad avviso del ministro ci poteva essere l’eventualità che banca Etruria fosse in qualche modo incorporata da Popolare di Vicenza e questo sarebbe potuto essere di nocumento per la principale industria di Arezzo che è quella dell’oro”.

“Io non potevo dire niente perchè non è competenza di consob intervenire sulla scelta di aggregazione delle banche”. E insiste: “Boschi mi ha illustrato la situazione e io ho detto che la Consob non era competente”.

VEGAS: BOSCHI MI DISSE CHE IL PADRE DIVENTAVA VICE PRESIDENTE

“Il ministro Boschi chiese di vedermi, venne a Milano e poi tornò a Roma”. Poi, rivela ancora Vegas, “in un’altra occasione mi parlò dell’opportunità che il padre potesse assumere la carica di vice presidente della banca, mi venne comunicato in un’altra occasione”, sottolinea.

BOSCHI. AGGRESSIONI SUL NULLA, NON MI FANNO PAURA

“Non è giusto subire aggressioni sul nulla, ma non mi fanno certo paura. E voglio che tutti sappiano la verità. Dopo due anni di strumentalizzazione adesso basta”. Lo scrive su facebook la sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi.

“Ho chiesto a Lilli Gruber di ospitarmi stasera a ‘Otto e Mezzo’ insieme a Marco Travaglio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»