Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Brasile, si dimette consigliere del presidente Temer

Amico di Temer da 40 anni, José Yunes è stato presidente a San Paolo del partito del movimento democratico brasiliano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

michel-temer_brasileROMA – Il caso Odebrecht ha causato la prima caduta nel governo Temer. Il consigliere speciale del Presidente, l’avvocato José Yunes, si è dimesso con una lettera in cui dice che il suo nome è stato sporcato da accuse irresponsabili“. Yunes, amico di Temer da 40 anni, è stato presidente a San Paolo del partito del movimento democratico brasiliano (Pmdb). L’ex presidente di Odebrecht Claudio Melo Filho ha rivelato che Temer avrebbe chiesto soldi al gigante delle costruzioni a una cena nel 2014 presso il Palazzo della Jaburu, residenza ufficiale del Vice Presidente, e che l’avvocato Yunes ha ricevuto questi soldi nel suo ufficio di San Paolo Del Brasile.

Intanto la situazione socioeconomica del paese è sempre più delicata. Violenti scontri sono stati ancora registrati nelle città brasiliane dopo che il senato brasiliano ha approvato un disegno di legge che limiterà la spesa del governo per i prossimi venti anni. Nonostante le proteste estese a 17 città, gli economisti sostengono che questa è la prima misura importante del governo Temer per aiutare l’economia in difficoltà del paese.

di Alfredo Sprovieri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»