Banche, Boschi: “Sfiducia del M5S? Discuteremo in Aula e poi vedremo chi ha la maggioranza”

[caption id="attachment_4454" align="alignleft" width="300"] M. Elena Boschi[/caption] ROMA -
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
M. Elena Boschi
M. Elena Boschi

ROMA – “Discuteremo in aula, voteremo e poi vedremo chi ha la maggioranza“. Cosi’ il ministro delle riforme Maria Elena Boschi, a proposito della mozione di sfiducia nei suoi confronti presentata dal M5s.

Il motivo? “Per il coinvolgimento personale e familiare nelle vicende della Banca popolare Etruria e Lazio nonche’ in relazione ai recenti provvedimenti che hanno interessato l’istituto di credito”, spiegano i grillini.

“Presenteremo una mozione di sfiducia nei confronti del ministro Boschi”. Lo ha annunciato, ieri, il deputato del M5S Alessandro Di Battista, ospite di Sky Tg24. “Se la Boschi fosse stata un ministro del governo Berlusconi che cosa avrebbero scritto i giornali di pseudosinistra? Cosa avrebbero detto Nanni Moretti e Roberto Benigni? Questa dicotomia e’ assurda”, ha aggiunto.

A fare asse con M5s, Forza Italia e Lega, dovrebbe essere anche Sinistra italiana che domani, alle 16.30, avra’ una riunione sulla questione banche. Stefano Fassina anticipa che l’orientamento del gruppo potrebbe essere per il si’. La mozione M5s, spiega il parlamentare, “la valuteremo e mi pare che siamo orientati verso l’accoglimento di quelle che sono le istanze indicate dalla mozione ma dobbiamo discuterne nel gruppo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»