A Scampia ‘pizzicato’ furgone che scaricava 35 sacchi di rifiuti in strada

NAPOLI - A Napoli è ripresa alle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

113132592_0P

NAPOLI – A Napoli è ripresa alle prime ore del mattino un’operazione congiunta tra Asia, Polizia municipale reparto Ambientale e servizio viabilità della Città metropolitana, per la rimozione dei rifiuti. Gli interventi avviati sabato scorso, nella circumvallazione esterna all’altezza del campo rom comunale, rientrano nelle attività di prevenzione e repressione degli illeciti ambientali condotte dalla Polizia locale in attuazione delle linee programmatiche definite dal commissario prefettizio della Terra dei Fuochi.

Nei giorni scorsi, il reparto di Tutela ambientale ha reperito elementi di indagine per individuare alcuni dei responsabili dei rifiuti sia nel sito ripulito oggi che lungo le arterie della perimetrale Melito-Scampia. Durante gli appostamenti è stato individuato un furgone che trasportava rifiuti speciali sorpreso a scaricare 35 sacchi di scarti sulla strada. Altri responsabili sono stati individuati dai resti di alcune carcasse di auto incendiate ed abbandonate nei pressi del campo rom di viale della Resistenza.

Nei prossimi giorni le attività si estenderanno alle rampe di accesso della Perimetrale di Mugnano e Melito e alle piazzole di sosta del tratto di perimetrale in corrispondenza di Scampia.

Di Carmen Credendino- Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»