Auto senza pilota, colosso cinese Baidu sfida Google

Con la nuova sperimentazione messa in campo da Baidu, il principale motore di ricerca cinese, sembra proprio che la questione auto senza pilota sia un affare per i soli colossi del web. Se Google prosegue, infatti, la sua sperimentazione sulle strade urbane di California e Texas Baidu ha già conquistato le autostrade.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

baidu_2ROMA – Con la nuova sperimentazione messa in campo da Baidu, il principale motore di ricerca cinese, sembra proprio che la questione auto senza pilota sia un affare per i soli colossi del web. Se Google prosegue, infatti, la sua sperimentazione sulle strade urbane di California e Texas – le sue vetture hanno già collezionato oltre 2milioni di miglia percorsi – Baidu ha già conquistato le autostrade.

Sia lungo i percorsi cittadini che quelli autostradali, la BMW Serie 3 scelta da Baidu si è cimentata con inversioni ad ‘u’, retromarcia e persino sorpassi. Il suo cervello elettronico, battezzato come “Baidu AutoBrain“, oltre a mappare il territorio e a garantire una guida ultra sicura ha lanciato l’auto oltre le aspettative facendole raggiungere anche i 100 km/h rispondendo all’ambiente circostante sempre tempestivamente e nel migliore dei modi.

Se Google e Baidu sono ormai alle battute finali della sperimentazione un altro colosso delle telecomunicazioni ha deciso di cimentarsi nell’impresa. Parliamo di Samsung che ha annunciato, ufficialmente, grossi investimenti nel settore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»