Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Univda indaga i bisogni delle famiglie ad Aosta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

(DIRE – Notiziario Sanità e Politiche sociali) Aosta, 14 nov. – Indagare i bisogni sociali delle famiglie con figli da 0 a 11 anni della città di Aosta per poter migliorare i servizi di cui usufruiscono e la loro qualità della vita. Con questo intento, l’università della Valle d’Aosta ha lanciato una selezione pubblica per titoli e colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca della durata di 12 mesi, interamente finanziato dal Comune di Aosta. L’iniziativa si inserisce tra le attività stabilite dalla Convenzione stipulata tra l’ateneo valdostano e l’amministrazione comunale per lo sviluppo e la realizzazione di attività scientifiche di interesse congiunto. Al ricercatore selezionato sarà chiesto di realizzare una mappatura della distribuzione delle famiglie sul territorio comunale e una rilevazione dei bisogni sociali ed educativi dei nuclei famigliari con figli da 0 a 11 anni, per trarre indicazioni utili alla sostenibilità e al miglioramento dei servizi e della qualità di vita delle famiglie e della comunità. Per questo, sotto la lente d’ingrandimento della ricerca, finiranno anche le risorse di cui il campione indagato dispone in termini di reti di sostegno informale e la fruizione dei servizi. Al termine del lavoro saranno realizzate iniziative di diffusione dei risultati.

“Siamo lieti di mettere a disposizione del Comune di Aosta le competenze scientifiche dell’Università per approfondire la conoscenza dei bisogni delle famiglie con bambini- ha affermato la rettrice Mariagrazia Monaci- Il rapporto con la città è molto importante e con questa ricerca l’ateneo ribadisce l’impegno prioritario di offrire il proprio contributo allo sviluppo della qualità della vita delle famiglie, dei bambini, della comunità cittadina nel suo complesso”. Per l’assessore all’Istruzione, Cultura e Politiche giovanile del Comune di Aosta Samuele Tedesco “con questa iniziativa, di cui ringrazio la mia predecessora Jeannette Migliorin, raggiungiamo un duplice scopo: da un lato esploriamo un bisogno della comunità in modo da elaborare e fornire una risposta concreta e mirata alle istanze che provengono dalle famiglie aostane quanto a un tema di particolare ampiezza e complessità e, dall’altro, rinsaldiamo il legame con l’ateneo valdostano che rappresenta per la città il vertice d’eccellenza nel sistema dell’offerta educativa, formativa e culturale”. Il bando di selezione è pubblicato sul sito web dell’università www.univda.it nella sezione “Bandi, avvisi, appalti – Ricerca – Assegni di ricerca”, nonché sui siti del Miur e dell’Unione europea, nelle sezioni dedicate. Le domande di ammissione alla selezione devono essere presentate entro il 9 dicembre 2021 con le modalità indicate nel bando. I candidati dovranno essere in possesso di laurea specialistica o magistrale (o vecchio ordinamento a ciclo unico) in ambito sociologico, delle scienze sociali od economico, adeguato curriculum scientifico-professionale, conoscenza delle lingue inglese e francese. Saranno anche valutati il possesso di un dottorato di ricerca in ambito sociologico, delle scienze sociali o economico o titoli equiparabili conseguiti all’estero, esperienze professionali nei settori connessi agli ambiti dell’attività di ricerca da svolgere, eventuali pubblicazioni scientifiche nei settori connessi. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»