Da giovedì manutenzione in sette stazioni della metro di Roma, ecco le chiusure

Sono tutte sulla linea A della metropolitana, le chiusure non saranno superiori ai tre giorni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Inizierà il prossimo 19 novembre alla stazione Flaminio, che rimarrà chiusa fino al 22 novembre incluso, il piano di manutenzione straordinaria che condurrà, entro il prossimo mese di febbraio 2021, alla sostituzione degli apparati elettrici nelle ultime sette stazioni della metro A rimaste senza adeguamenti. Si tratta infatti di impianti che risalgono a oltre quarant’anni fa e dei quali non può più essere evitato il disagio della loro immediata sostituzione che, oltre all’adeguamento alle normative vigenti, consentirà una maggiore affidabilità dell’infrastruttura”. Lo spiega Atac, in un comunicato.

Atac “ha già provveduto ad aggiornare gli impianti elettrici delle altre stazioni di metro A e metro B. Per la stazione Flaminio e le altre sei incluse nel piano si è resa necessaria la chiusura, perché occorre sostituire integralmente i quadri elettrici generali, mai cambiati da quando le stazioni sono entrate in esercizio. Attività che comporta l’interruzione di tutti i servizi, compresi gli impianti di traslazione e di illuminazione. Alla chiusura della stazione Flaminio seguirà quella della stazione Ottaviano, dal 25 al 28 novembre. Quindi toccherà alla stazione Vittorio Emanuele, chiusa da 3 al 6 dicembre; poi la stazione Lepanto, dal 2 al 5 gennaio; Spagna dal 20 al 24 gennaio 2012; Barberini dal 25 al 31 gennaio e infine alla stazione Repubblica, dal 18 al 21 febbraio. Tutte le informazioni per i viaggiatori saranno disponibili sul sito atac.roma.it e sui canali di infomobilità Twitter (twitter.com/InfoAtac), Whatsapp (3351990679) e Telegram (t.me/infoatac)”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»