I Nas negli allevamenti di visoni, un vincolo sanitario

I controlli nelle province di Ravenna, Forlì e L'Aquila
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nel corso della settimana, i militari del Gruppo Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma – i NAS – hanno effettuato un monitoraggio degli allevamenti di visoni nel Centro Italia, nell’ambito di servizi tesi a fronteggiare l’emergenza da CoViD-19.

In particolare, i controlli – condotti in collaborazione con il personale dei Servizi Veterinari di Sanità Animale delle rispettive A.S.L. dell’Emilia Romagna e dell’Abruzzo – hanno interessato 3 aziende agricole ubicate nelle province di Forlì, Ravenna e L’Aquila.

LEGGI ANCHE: Covid, M5s: “Chiudere gli allevamenti di visoni a Ravenna e Forlì-Cesena”

“Nel complesso, in tutti e tre gli allevamenti ispezionati è stato riscontrato il regolare rispetto delle norme di biosicurezza e dei previsti protocolli CoViD-19- precisa una nota- e veniva accertata l’assenza di sintomi clinici riferibili ad infezione da Sars-CoV-2, né ad altre patologie respiratorie“.

Ciò detto, “soltanto in un caso gli operanti hanno proceduto – in via cautelativa e a salvaguardia della salute pubblica – al temporaneo vincolo sanitario di un allevamento di visoni, per aver rinvenuto un capo in apparenti precarie condizioni di salute, in attesa dell’esito dei prelievi biologici effettuati sui complessivi 2.400 mustelidi”, precisa la nota dei NAS.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»