A Roma coppia accoltellata in strada: un fermo per tentato omicidio

L'aggressione è avvenuta nella tarda serata del 9 novembre scorso, ai danni di una coppia di ragazzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro hanno sottoposto a fermo un romano di 44 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, per tentato omicidio e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. L’uomo, rintracciato nella notte in via del Forte Tiburtino, è accusato di essere l’autore di un accoltellamento, avvenuto la tarda serata del 9 novembre scorso, ai danni di una coppia di ragazzi. All’epoca dei fatti, i Carabinieri di Montesacro intervennero nel pronto soccorso del Sandro Pertini, dove poco prima erano arrivate con mezzi propri le due vittime, un ragazzo e una ragazza romani di 28 e 27 anni, conviventi, entrambi con gravi ferite da taglio all’addome. Immediatamente sottoposti ad intervento chirurgico, i due giovani furono ricoverati in prognosi riservata, ma giudicati fuori pericolo di vita.

Grazie all’attività d’indagine scattata a seguito del grave episodio, i Carabinieri sono riusciti, in breve tempo, a identificare il possibile autore del duplice ferimento, sul conto del quale i militari hanno raccolto gravi, precisi e concordanti elementi indiziari. Sono tuttora in corso gli accertamenti per delineare in quale ambito e il movente che ha portato l’uomo ad accoltellare i due ragazzi, che sono tuttora ricoverati in ospedale, sempre in prognosi riservata. In attesa di rispondere alle domande dell’Autorità giudiziaria, il 44enne è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»