Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Anche l’ex Miss Italia accusa Fausto Brizzi: “Deve farsi curare”

Clarissa Marchese racconta di uno sgradevole episodio che la vide protagonista due anni fa nell'ormai famosa casa-studio del regista romano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo le dieci attrici che hanno fatto il suo nome, Fausto Brizzi finisce nel mirino anche di miss Italia 2014 Clarissa Marchese. Intervistata da Repubblica, Marchese racconta di uno sgradevole episodio che la vide protagonista due anni fa nell’ormai famosa casa-studio del regista romano.

“Con il tuo fisico sei destinata a ruoli sexy. Ti chiedo di spogliarti, devo potermi fidare di te”, le disse Brizzi stando al racconto della miss. Per due giorni di seguito: la seconda volta in maniera più aggressiva.

Marchese non accetta e decide ora di denunciare il fatto per un motivo preciso: “ho un lavoro che mi piace, guadagno benissimo e vivo in America. Ho denunciato mettendoci la faccia perché ho ottocentomila follower, in gran parte ragazzine giovani che sognano il cinema, la tv, la moda. Ho pensato a loro. Il mio messaggio è: non vi piegate, io no l’ho fatto e ho avuto successo lo stesso“.

Di Fausto Brizzi invece dice: “Dovrebbe chiedere scusa a tutte noi. E poi, magari, farsi curare. Anche il sesso può essere una dipendenza”.

LEGGI ANCHE A ‘Le Iene’ dieci attrici contro Fausto Brizzi: “E’ lui il molestatore italiano”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»