Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ue, Mogherini: “Su difesa comune a Bruxelles si decide”

L'Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'Ue sul consiglio di ieri e di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Unione europea

ROMA – “Decisioni concrete” per la difesa comune dovrebbero essere adottate oggi a Bruxelles nel corso del Consiglio europeo: lo ha detto l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue, Federica Mogherini, poco prima dell’inizio delle riunioni. “Oggi – ha sottolineato il capo della diplomazia dell’Unione – presenterò i piani per implementare la Strategia globale dell’Ue sulla sicurezza e la difesa”. Al Consiglio, in programma oggi e domani, partecipano i ministri degli Esteri e della Difesa dei Paesi membri. Nelle settimane scorse l’Alto rappresentante aveva riferito di un piano in più punti: impiego di “unità multinazionali europee di intervento rapido”, possibilità da parte di un gruppo di Paesi di condurre azioni militari “in nome e per conto di tutta l’Unione”, creazione di un quartier generale comune e coordinamento degli investimenti necessari al settore della difesa. Il tema ha acquisito una rilevanza ancora maggiore dopo l’elezione alla presidenza degli Stati Uniti di Donald Trump, fautore di un ridimensionamento del contributo americano all’Alleanza atlantica.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»