Spotify, allarme per 40 milioni di utenti

Dalla piattaforma di streaming musicale nessuna risposta. Problema vecchio di almeno 5 mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Spotify rischio disco rigido ROMA – Sono 40 milioni gli utenti che rischiano il proprio disco rigido a causa di Spotify. La piattaforma di streaming musicale, infatti, mentre gli utenti ascoltano musica, scrive sul disco rigido senza alcun controllo. Il carico di dati inseriti involontariamente può arrivare anche a 100GB.

Spotify disco rigido a rischio

La scrittura avviene a ritmo continuo ogni volta ci si collega a Spotify per ascoltare brani musicali. Tutta questa attività mette in serio pericolo la durata dell’hard disk. Il problema non è nuovo. Sono almeno cinque mesi che il danno va avanti senza che la società abbia preso il minimo di provvedimento in merito. Tutto questo nonostante che le proteste degli utenti provenissero da diversi sistemi operativi come Windows, Mac e Linux. Il bug sarebbe racchiuso nella stringa mercury.db. Spotify affida la soluzione alla nuova versione della piattaforma la 1.0.42, ma di questa, in giro, ancora non c’è traccia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»