Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 14 ottobre 2021

Si parla di vista, inquinamento e sicurezza alimentare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– GIORNATA MONDIALE VISTA, CON PANDEMIA +30% DISTURBI PER BIMBI

“In questo ultimo periodo abbiamo registrato un aumento di circa il 30% di disturbi della vista, perché i bambini sono stati costretti a stare più a lungo a casa e meno tempo a scuola, o all’asilo, e hanno utilizzato per molte più ore smartphone, tablet e schermi del computer”. A parlare, in occasione della Giornata mondiale della vista, che ricorre il 14 ottobre, è Michele Fortunato, vice presidente della Società Oculistica Italiana.

– INQUINAMENTO, I CONSIGLI SIP PER LIMITARE IMPATTO SUI BIMBI

“I pediatri possono avere un ruolo estremamente importante nel tentare di migliorare la salute di bambini e famiglie in merito al tema dell’inquinamento ambientale. Ad esempio consigliando ai genitori strategie e comportamenti, ricordando sempre che l’esempio vale più di mille parole”. A sottolinearlo è Rino Agostiniani, tesoriere Sip, a margine della presentazione del documento di consenso ‘Inquinamento atmosferico e salute. Le proposte delle società scientifiche pediatriche e del gruppo di lavoro ‘Ambiente e primi 1.000 giorni’ per migliorare la salute dei bambini e delle famiglie’.

– DAL PEDIATRA PIÙ DIAGNOSTICA, MENO ANTIBIOTICI: ARRIVA GUIDA PRATICA

Il pediatra al centro della gestione della salute del bambino. È questo uno degli obiettivi della Guida pratica Sipps-Sicupp-Fimp presentata dal pediatra Lamberto Reggiani. Ci sono dei test “veloci, semplici da eseguire, poco costosi che si possono inserire perfettamente nell’attività quotidiana del pediatra, con l’obiettivo di ridurre la prescrizione di antibiotici e riuscire a evitare al massimo le resistenze batteriche nei confronti di questi medicinali, un problema che sicuramente sta aumentando”, precisa il medico.

– LUIGI ORFEO È IL NUOVO PRESIDENTE SIN

Luigi Orfeo è il nuovo presidente della Sin. Eletto durante il XXVII congresso nazionale a Roma, Orfeo è direttore dell’Unità operativa complessa di Pediatria, Neonatologia e Terapia intensiva neonatale dell’ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma. “Con il nuovo Consiglio direttivo, abbiamo la grande responsabilità di cogliere le opportunità del momento- ha affermato il neo presidente- I primi fondi del Pnrr saranno destinati alla riorganizzazione del nostro Sistema sanitario, in cui la rete dei punti nascita e il comparto materno-infantile diventano strategici per riportare il neonato e i bambini al centro del futuro”.

– INFANZIA, SIP: AL SUD SITUAZIONE CRITICA, SIA PRIORITÀ DELLA POLITICA

“I bambini del Mezzogiorno vivono una situazione molto critica da un punto di vista sanitario, sociale ed educativo. E’ necessario assicurare loro adeguate opportunità di crescita, cure e formazione scolastica. Migliorare le condizioni sociali dell’infanzia e lottare contro la povertà economica ed educativa, è una priorità che va messa al centro dell’azione politica affinché ci sia un presente e un futuro per il nostro Paese. Una delle sfide che l’Italia ha davanti, infatti, è quella di ridurre i divari. Oggi il Mezzogiorno è la sfida per avere un Paese più giusto ed equo”. A dirlo è Mario De Curtis, presidente del Comitato per la Bioetica della Sip, intervenuto al convegno ‘Aspetti medici e sociali dell’età pediatrica in Italia’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»