Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giornata mondiale della vista, Aimo: “Patologie dell’occhio minacciano 3 milioni di italiani”

"La vista è un bene prezioso, va tutelata. A breve incontro tra pazienti e Istituzioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La vista è un bene prezioso e va tenuta sempre sotto controllo. Questo è vero anche se non si ha alcun sintomo, perché molte malattie oculari possono passare inosservate. Solo attraverso un controllo periodico, effettuato esclusivamente presso un medico oculista, si possono prevenire o curare eventuali patologie degli occhi. Alcune di queste possono ridurre fortemente la capacità visiva, fino a portare in alcuni casi all’ipovisione e alla cecità”. È il monito lanciato oggi dall’Associazione Italiana dei Medici Oculisti, in occasione della Giornata Mondiale della Vista, che come ogni anno si celebra il 14 ottobre.

GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA, ‘LOVEYOUREYES’

‘LoveYourEyes‘ è lo slogan scelto per questa edizione dell’evento, promosso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e in Italia dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Iapb Italia onlus. Le malattie che minacciano la vista, intanto, riguardano oltre 3 milioni di persone nel nostro Paese, ma molte di più sono a rischio se si considera che patologie come il glaucoma, la retinopatia diabetica e le maculopatie crescono insieme all’età e alle malattie croniche.

COLPISCE OGNI ANNO IN ITALIA 20000 PERSONE, COS’È LA MACULOPATIA

“La giornata di oggi rappresenta un’occasione importante per pensare alla prevenzione- proseguono gli oculisti Aimo- Non possiamo allora sottovalutare le patologie che interessano la macula e che rappresentano una potenziale causa di importante e talvolta irreversibile perdita della vista, così come si verifica in corso di degenerazione maculare legata all’età o di maculopatia diabetica grave”. La maculopatia è una patologia cronica oculare, sempre più diffusa specie nella popolazione over 60: “Come è emerso dal nostro XII Congresso Nazionale, che si è svolto di recente a Roma, ogni anno si ammalano in Italia 20.000 persone solo di maculopatia degenerativa legata all’età, che è tra le principali cause della ipovisione e della cecità. Sono numeri importanti sui quali si rende necessaria una riflessione”.

I DIFETTI REFRATTIVI E COME CORREGGERLI

Anche i difetti refrattivi possono essere penalizzanti per le attività quotidiane di molte persone, ma “per fortuna oggi abbiamo a disposizione diverse tecniche chirurgiche per correggere i difetti della vista- fanno sapere ancora gli oculisti di AIMO- applicando il trattamento sulla superficie corneale. Pensiamo alla FemtoLASIK oppure alla FemtoSMILE, due tecniche sicure che consentono, in pochi minuti, di correggere la quasi totalità dei difetti della vista.

Anche di questo si è parlato nel corso del nostro ultimo Congresso, che ha visto la partecipazione di autorevoli esperti nel settore, come il dottor Marco Fantozzi, responsabile del Centro laser Casa di cura San Rossore di Pisa, il Dottor Luigi Mosca Responsabile di UOS Cornea e Chirurgia refrattiva del Policlinico Gemelli di Roma, il Dottor Massimo Mammone del Centro laser Casa di cura San Rossore di Pisa e il dottor Salvatore Dolci, oculista dell’Oftal Service di Messina. Tutti concordi nel sottolineare l’importanza della prevenzione”.

E proprio per sensibilizzare la popolazione e le istituzioni sulla diagnosi precoce e la giusta informazione sulle patologie visive, AIMO fa sapere che organizzerà “a breve” un incontro con tutti i soggetti coinvolti (pazienti, stakeholders e istituzioni), che secondo il presidente di AIMO, Luca Menabuoni, e la referente dei Rapporti con le Istituzioni dell’Associazione, Alessandra Balestrazzi, promette di essere un “appuntamento fondamentale per la tutela della salute visiva della popolazione”, concludono.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»