In arrivo fino a 25mila vaccini antinfluenzali nelle farmacie napoletane

Federfarma: "Quest'anno non si riuscirà a coprire tutta la popolazione e ad oggi non possiamo accettare prenotazioni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Le farmacie di Napoli e provincia allo stato attuale sono sprovviste di vaccini antinfluenzali, ma la prossima settimana dovrebbe arrivare una quota di dosi, anche se minima. “Stimiamo che arriveranno tra i 20mila e i 25mila vaccini per Napoli e provincia, circa 40 o 50mila per le farmacie di tutta la Campania“, spiega all’agenzia Dire Riccardo Iorio, presidente di  Federfarma Napoli. Per l’ufficialità bisognerà attendere la prossima settimana, quando è in programma un incontro in Regione Campania sull’approvvigionamento dei vaccini alle farmacie.

“La Regione – continua Iorio – si è resa disponibile a cedere una quota di vaccini alle farmacie per gli utenti 7-60 anni. È un inizio, pur nella consapevolezza che quest’anno, a differenza degli anni scorsi, non si riuscirà a coprire tutta la popolazione. La fascia protetta (0-6 anni, over 60 e la popolazione debole, ndr) che ha diritto al vaccino, tramite medici di base e Asl, sarà ovviamente coperta al 100%”. Nelle farmacie napoletane da diverse settimane si susseguono le richieste di vaccini. “Chiaramente non possiamo soddisfarle, né possiamo accettare prenotazioni. Parliamo di una quantitaàminima che arriverà. Con la Regione – prosegue Iorio – concorderemo anche le modalità più adatte per evitare di creare panico tra la popolazione e soddisfare quante più richieste è possibile. Fa bene la Regione a spingere perché ci sia una vaccinazione capillare, ma in questo momento, che è emergenziale, l‘industria farmaceutica non riesce a coprire il fabbisogno che è maggiore rispetto agli anni scorsi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»