Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calenda: “Non temo le primarie, ma su Roma sono sbagliate”

Un sondaggio online diffuso da 'Repubblica' vede l'ex ministro stravincere in eventuali primarie del centrosinistra con il 50% dei consensi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho ragione di temere le primarie. Ne riconosco l’importanza in molti casi. Ma su Roma sono sbagliate, a prescindere da chi sarà il candidato. Dobbiamo parlare a tutti i cittadini, non solo a una parte, iniziare subito e evitare rischi sanitari enormi e inutili”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda, leader di Azione, commentando un sondaggio online pubblicato da ‘Repubblica’, che lo vede stravincere in eventuali primarie del centrosinistra per scegliere il candidato sindaco di Roma con il 50% dei consensi dei 26 mila partecipanti. Titolo dell’articolo: ‘Ai gazebo virtuali Calenda sbaraglia i sette nani’.

La più votata, dopo Calenda, è Monica Cirinnà che, però, si ferma al 9% dei consensi. Seguono con il 4% Stefano Fassina, Tobia Zevi, Paolo Ciani e Giovanni Caudo. Infine, al 2% Riccardo Magi e Amedeo Ciaccheri. Un 18% va a ‘nessuno di questi nomi’.

LEGGI ANCHE:

Sgarbi: “Mi candido a sindaco di Roma: via autovelox, musei gratis e scuola alle 10”

Andrea Bernaudo si candida a sindaco di Roma: “Serve una rivoluzione amministrativa”

Sindaco Roma, il 70% cittadini lo vuole romano. Meglio se uomo di cultura e giovane

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»