Autonomia, Fnopi: “In sanità si può fare rispettando l’articolo 32 della Costituzione”

Lo ha detto la presidente Fnopi, Barbara Mangiacavalli, in occasione del 52esimo congresso nazionale Sumai Assoprof
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GARDONE RIVIERA (BRESCIA) – “Ci sono tutti gli elementi affinche’ si possa fare una autonomia differenziata che si possa ispirare all’articolo 32 della Costituzione e che garantisca universalita’ delle cure sanitarie in tutto il territorio nazionale. Ma va mantenuto comunque un principio di centralita’, anche rafforzando le Regioni, molte delle quali non hanno bisogno di piu’ soldi, vogliono solo gestire direttamente le proprie risorse. Serve una forte regia a livello nazionale che aiuti le regioni ad allinearsi e non creare ulteriori disparita’”. Lo ha detto la presidente Fnopi, Barbara Mangiacavalli, in occasione del 52esimo congresso nazionale Sumai Assoprof, a Gardone Riviera (Bs).

Mangiacavalli e’ poi intervenuta sul tema del ‘territorio”, evidenziando che nel mondo della medicina sociosanitaria, quella che riguarda le strutture non ospedaliere, c’e’ una varieta’ di diverse contrattualizzazioni di professionisti che lavorano in equipe, “una coabitazione di professionisti che fanno riferimento a contratti di lavoro diversi che non facilita l’integrazione. Non voglio dire che non c’e’ integrazione perche’ c’e’ questo problema- ha spiegato- ma lo strumento del contratto, se omogeneizzato, potrebbe facilitare una serie di interconnessioni professionali, organizzative e operative”.

SEGUI LO SPECIALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

14 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»