Ambiente, Muroni (LeU): “Bello, sano e pulito: in aula il ddl salva-mare”

La deputata di Liberi e Uguali, ex presidente di Legambiente, annuncia il ddl sul riciclo dei rifiuti pescati in mare
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Una buona notizia per il Paese: approda oggi in Aula alla Camera il Ddl Salva-Mare, un provvedimento firmato dal ministro dell’Ambiente che prende spunto dalla mia proposta di legge sul ‘fishing for litter’ il cui scopo e’ contribuire al risanamento dell’ecosistema marino grazie all’aiuto dei pescatori”. Cosi’ la deputata LeU Rossella Muroni, relatrice del provvedimento insieme alla collega Paola Deiana (M5S), sull’iter del ddl Salva-Mare e delle Pdl abbinate.

“Il cuore del provvedimento, che e’ ispirato ad alcuni progetti sperimentali e all’impegno di associazioni ambientaliste quali Legambiente e MareVivo, e’ consentire ai pescatori di portare e conferire a terra i rifiuti che recuperano in mare, senza doverne sostenere i costi di smaltimento come invece avviene oggi”, dice Muroni, “e’ una misura importante per ambiente e salute dei cittadini, tanto piu’ considerando che ogni anno finiscono nelle acque del pianeta 8 milioni di tonnellate di plastica e che questi rifiuti si scompongono in pezzi sempre piu’ piccoli e vengono ingeriti dai pesci, entrando cosi’ nella catena alimentare”.

Dopo un ampio ciclo di audizioni con associazioni, imprenditori del settore ed enti a vario titolo coinvolti, “il provvedimento arriva in Aula migliorato ed e’ piu’ vicino il giorno in cui diventera’ legge dello Stato”, prosegue la deputata LeU Rossella Muroni.

“Da relatrice insieme alla collega Deiana ho depositato, tra le altre, tre proposte emendative particolarmente qualificanti al cosiddetto Salva-Mare approvate durante l’esame in Commissione. Una per estendere la promozione del riciclo a tutti i rifiuti pescati in mare e non solo a quelli in plastica- dice Muroni- Una seconda per allargare l’ambito di applicazione del Salva-Mare anche a fiumi e laghi. La terza per sostituire la ‘certificazione ambientale’ prevista per gli imprenditori ittici che utilizzano materiali di ridotto impatto e si adoperano per la pulizia del mare con un ‘riconoscimento ambientale'”.

“Una correzione- conclude- necessaria perche’ l’attivita’ di fishing for litter non puo’ essere un parametro per definire la corretta gestione e la sostenibilita’ della filiera, o la qualita’ del pescato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

14 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»